Notizie

LIFE - Progetti preparatori per il ricorso al Corpo Europeo di Solidarietà in attività di protezione ambientale

Contestualmente all’istituzione ufficiale del Corpo Europeo di Solidarietà, è stato aperto il primo bando che fa ricorso a questa nuova categoria di volontari: nel quadro del programma LIFE è stato infatti lanciato un bando per progetti preparatori che prevedano l’utilizzo dei Corpi europei di solidarietà in attività di protezione ambientale.

Il Corpo Europeo di Solidarietà è stato creato con l'obiettivo di dare ai giovani l'opportunità di prendere parte a una serie di attività solidali riguardanti situazioni difficili in tutta l'UE, nella convinzione che tale partecipazione non solo sarà di aiuto ai giovani coinvolti, ma contribuirà anche agli sforzi delle autorità nazionali e locali, delle ONG e delle imprese per affrontare varie sfide e crisi.

In linea con questo obiettivo il bando LIFE intende sviluppare le potenzialità dell’uso del lavoro volontario per attività di protezione ambientale (con priorità per i siti Natura2000 e per le specie protette dalle Direttive Habitat e Uccelli) ed è finanziato, oltre che da fondi di LIFE, anche dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR).

Il bando selezionerà 5-7 piccole organizzazioni (o un numero più ridotto di organizzazioni più grandi) che si occupino di organizzare il collocamento di volontari.

Sono ammissibili a presentare una proposta di progetto gli enti pubblici, le organizzazioni private commerciali e le organizzazioni private non commerciali (incluse le ONG), con sede negli Stati UE (le organizzazioni devono rispettare gli elevati standard qualitativi richiesti per sottoscrivere la Carta del Corpo Europeo di Solidarietà).

Una volta selezionate le organizzazioni dovranno:
- Registrarsi sul portale European Solidarity Corps
- Valutare i bisogni e le opportunità per le mansioni dei volontari e definire le caratteristiche di base di ciascun collocamento con le organizzazioni coinvolte nella protezione ambientale, nella conservazione della natura e nel ripristino delle aree naturali e degli ecosistemi;
- Selezionare i volontari da impiegare tra quelli registrati sul database del portale che hanno espresso interesse per il tipo di attività proposte;
- Confrontarsi con i volontari in merito alla loro assegnazione (obiettivi, attività, modalità, ecc.) e concludere il contratto specificando tutti gli aspetti del collocamento (durata, programma, sostegno individuale, costi di viaggio, soluzioni di alloggio, organizzazione dei pagamenti, ecc.);
- Fornire a ciascun volontario un “pacchetto minimo” che includa almeno il sostegno finanziario individuale (il servizio deve essere svolto senza costi a carico del volontario), i costi di viaggio e alloggio (se necessario), l’assicurazione, i servizi di mentoring, i compiti e le attività da svolgere (nel rispetto dei principi qualitativi sanciti nella Carta dei Corpi europei di Solidarietà), un supporto personale e amministrativo per tutta la durata dell’esperienza;
- Fornire a ciascun volontario altri servizi idonei ad assicurare un ottimale svolgimento del servizio;
- Monitorare le condizioni di lavoro e fornire una certificazione per le attività svolte
- A un anno dall’inizio del progetto, fornire alla Commissione i dati sul numero di volontari impiegati e sulla durata del loro sevizio, sulle attività intraprese, sui risultati ottenuti attraverso il lavoro dei volontari in termini di conservazione delle aree naturali e protezione ambientale, sulla soddisfazione dei volontari e delle organizzazioni coinvolte, ecc.

Ogni organizzazione dovrà gestire il collocamento di almeno 300 volontari nei paesi di loro residenza. I giovani coinvolti devono avere un’età compresa fra i 18 e i 30 anni e possono essere coinvolti in progetti di durata 2-12 mesi (anche non continuativi, per esempio nei soli week end o nelle vacanze estive).
Il partenariato non è indispensabile: i progetti possono essere presentati anche da un solo ente (definito: coordinating beneficiary); la presenza di un eventuale partner associato è condizionata al fatto che il partenariato dia effettivamente valore aggiunto al progetto.

Il budget totale del bando ammonta a 3.300.000 euro (2 milioni da LIFE e 1,3 milioni dal FEASR). Il contributo europeo può coprire fino al 60% dei costi totali ammissibili del progetto (ma il rimborso del sostegno individuale ai volontari e dei costi di viaggio sarà coperto fino al 75%).

I progetti non possono avere inizio prima del il 1° maggio 2017; la loro durata massima è di 24 mesi.
Le attività dei volontari possono andare da 2 mesi (42 giorni lavorativi) a 12 mesi.

I giovani che desiderano candidarsi come volontari per il Corpo europeo di solidarietà possono iscriversi attraverso il portale dedicato. Per iscriversi è necessario avere almeno 17 anni ma per partire bisogna essere almeno maggiorenni.

Scadenza: 07/03/2017

La documentazione del bando è scaricabile qui

 

  

  

 

 

Newsletter

Inserisci la tua mail per iscriverti alla nostra newsletter