Notizie

I servizi sociali nella crisi pandemica: classificazione e innovazione a supporto del welfare territoriale

Il Seminario del 12 novembre “I servizi sociali nella crisi pandemica: classificazione e innovazione a supporto del welfare territoriale”, promosso dalla Struttura Inclusione Sociale dell’Inapp, prende spunto dalla presentazione delle prime evidenze della 4a indagine Inapp sui “Servizi sociali erogati dagli enti non profit” rilevazione che fotografa lo stato dell’arte dell’offerta di servizi sociali forniti dagli enti non profit cogliendo, in questa edizione anche, le trasformazioni avvenute nel periodo pandemico.

Il seminario parte dalle prime evidenze di un’indagine ricorrente dell’Istituto dal titolo “L’erogazione dei servizi sociali degli enti non profit”, per discutere del ruolo dei servizi sociali nel corso della crisi pandemica e delle funzioni assicurate dal non profit, tra i principali erogatori di queste prestazioni. Sebbene, le condizioni di bisogno sociale ed economico della popolazione imposte dall’emergenza sanitaria abbiano messo i servizi sociali al centro delle politiche di sostegno ai cittadini in difficoltà, molte restano le debolezze di questo importante strumento di attuazione del welfare locale: confusioni terminologiche, ambiguità tra funzioni strategiche e prestazioni agite, difficoltà di attuazione, finanziarie e operative. Tracciare una linea di continuità che, partendo dall'adozione e manutenzione di una classificazione condivisa dei servizi sociali, arriva a identificare in modo puntuale i servizi sociali presenti sull’intero territorio nazionale, non è un’operazione banale e chiama fortemente in causa il contributo degli enti non profit all’innovazione e alla generatività del welfare locale.

 

https://inapp.org/it/eventi/i-servizi-sociali-nella-crisi-pandemica-classificazione-e-innovazione-supporto-del-welfare-territoriale

https://inapp.org/sites/default/files/Sintesi_prime%20evidenze_indagine%5B20275%5D.pdf 

 

  

  

 

 

Newsletter

Inserisci la tua mail per iscriverti alla nostra newsletter