Notizie

SELFIE, il nuovo strumento per favorire l’apprendimento e l’insegnamento digitali nelle scuole

La Commissione europea ha lanciato un nuovo strumento per aiutare tutte le scuole dell’Unione europea, ma anche della Russia, della Georgia e della Serbia, a valutare in che modo utilizzano le tecnologie digitali per l’insegnamento e l’apprendimento.

SELFIE (acronimo che significa “autoriflessione su come insegnare efficacemente promuovendo l’uso di tecnologie didattiche innovative) è al momento disponibile in 24 lingue dell’UE, ma seguiranno altre versioni linguistiche. Le scuole interessate (primarie, secondarie e superiori, così come gli istituti per l’istruzione professionale) possono iscriversi nella piattaforma SELFIE e riflettere sull’insegnamento nella loro scuola per valutare se le tecnologie sono utilizzate per l’insegnamento e l’apprendimento..

L’obiettivo della Commissione europea è raggiungere 1 milioni di studenti, insegnanti e dirigenti scolastici entro la fine del 2019.

Lo strumento è modulare e le scuole possono scegliere tra una serie di dichiarazioni facoltative e aggiungere un massimo di otto domande personalizzate in base alle loro rispettive esigenze e priorità. La relazione personalizzata che SELFIE invierà successivamente alla scuola potrà essere utilizzata per un dialogo all’interno della comunità scolastica con l’obiettivo di definire misure volte a migliorare l’uso delle tecnologie digitali per migliorare l’apprendimento, ad esempio una formazione specifica per gli insegnanti o sostegno per gli studenti su temi quali la sicurezza online.

SELFIE è già disponibile nelle scuole serbe, ma a partire dai primi mesi del 2019 lo sarà in tutti i paesi della regione dei Balcani occidentali.

Il 4 e 5 aprile 2019 si svolgerà a Madrid la prima conferenza SELFIE. L’evento riunirà le scuole di tutta Europa che utilizzano lo strumento, e le loro esperienze e osservazioni serviranno a migliorarlo ulteriormente.

La Commissione sta, inoltre, valutando la possibilità di creare sinergie con le reti esistenti di insegnanti e istituti scolastici, in particolare eTwinning, una piattaforma online sostenuta dal programma Erasmus+ che è diventata la più grande rete di insegnanti al mondo.

Fonte: Commissione europea