Notizie

La riforma va avanti: nuove deliberazioni del Consiglio Nazionale del Terzo Settore

Il 20 aprile, il Consiglio Nazionale del Terzo Settore (CNTS) riunitosi nella sua terza seduta, ha approvato le Linee guida per la redazione del bilancio sociale degli enti di Terzo settore, a cui devono ispirarsi le scelte degli enti tenuti ad approvare oltreché il bilancio ordinario anche quello sociale.
Nella stessa seduta, è stato dato anche parere favorevole all'unanimità sullo schema di decreto ministeriale sulle operazioni straordinarie previste per l’Impresa sociale (atti di trasformazione, fusione, scissione e cessione d’azienda), previsto dall’art. 12 co. 3 D.lgs. n. 112/2017.
L’obiettivo del decreto è di consentire al ministero del Lavoro (titolare della vigilanza) di verificare che gli atti siano effettuati nel rispetto dell’assenza di scopo di lucro, dei vincoli di destinazione del patrimonio e del perseguimento delle finalità di interesse generale. Ecco perché l’organo di amministrazione dell’impresa sociale dovrà informare al ministero del Lavoro 90 giorni prima dell’assemblea chiamata ad approvare la delibera l’intenzione di procedere all’operazione straordinaria, allegando la situazione patrimoniale ed economica degli enti coinvolti e una relazione sulle ragioni, le modalità e le possibili evoluzioni dell’operazione. Il ministero potrà rispondere con un rifiuto o un accoglimento esplicito, o se non si pronuncerà entro i 90 giorni scatterà la regola del silenzio-assenso.
Si attende ora l’emanazione definitiva del decreto da parte del Ministero del Lavoro.
"Esprimo piena soddisfazione per le decisioni adottate oggi dal CNTS - dichiara il Sottosegretario di Stato, onorevole Luigi Bobba - in particolare, circa le «Linee guida  per la redazione del bilancio sociale degli enti di Terzo Settore» cui devono  ispirarsi le scelte degli enti tenuti ad approvare oltreché il bilancio ordinario anche quello sociale. Una scelta - continua Bobba - che renderà più trasparente e misurabile l'effettivo impatto sociale delle attività degli enti di Terzo Settore. Inoltre, mi associo al voto espresso dal CNTS in merito alla nomina dell'avvocato Gabriele Sepio quale proprio rappresentante all'interno del Comitato di gestione della Fondazione Italia Sociale. Una scelta - conclude il Sottosegretario - che premia sia la competenza sia il lavoro svolto dall'avvocato Sepio in questi ultimi due anni, nella predisposizione delle norme di attuazione della legge di riforma del Terzo Settore.