Notizie

Legge di Bilancio 2018: un approfondimento

È in vigore dal 1° gennaio la Legge di Bilancio 2018, Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020 (L.  27 dicembre 2017, n. 205 pubblicata nella G.U. n.302 del 29/12/2017). 

LAVORO, FORMAZIONE  E PREVIDENZA

  • Riconosciuti sgravi contributivi per i datori di lavoro privati che, a decorrere dal 1º gennaio 2018, assumono lavoratori con contratto di lavoro a tempo indeterminato, per un periodo massimo di trentasei mesi, nel limite di 3.000 euro su base annua;  lo sgravio spetta per le assunzioni di giovani che non abbiano compiuto il trentesimo anno di età e non siano già stati occupati a tempo indeterminato con il medesimo o con altro datore di lavoro.
  • Per le assunzioni effettuate entro il 31 dicembre 2018, lo sgravio contributivo è riconosciuto anche per i giovani che non abbiano compiuto il trentacinquesimo anno di età, se in possesso dei requisiti.
  • Stabilito  un esonero contributivo triennale per i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali di età inferiore a 40 anni.
  • Previsti stanziamenti per la promozione e il coordinamento delle politiche per la formazione, nonché il cofinanziamento del Programma Erasmus.
  • Proroga di un anno (dal 31-12-2018 al 31-12-2019) per l’istituto sperimentale dell’APE volontaria; inoltre viene ampliata la platea dei beneficiari dell’Ape sociale.
  • Assunzioni straordinarie nelle Forze di Polizia e Vigili del fuoco: fino a 7.394 unità complessive nel quinquennio 2018-2022.
  • Rinnovo dei contratti PA:  destinate ai miglioramenti economici del personale dipendente della pubblica amministrazione risorse pari a 300 milioni per il 2016, 900 milioni per il 2017 e 2.850 milioni a partire dal 2018.

SOSTEGNO ALLE IMPRESE

  • Rifinanziata per 330 milioni di euro nel periodo 2018-2023 la “Nuova Sabatini”, misura di sostegno volta alla concessione alle micro, piccole e medie imprese di finanziamenti agevolati per investimenti in nuovi macchinari, impianti e attrezzature. Meccanismo preferenziale per gli investimenti “Industria 4.0, cui viene riservata una quota pari al trenta per cento delle risorse stanziate.
  • Si introduce, per il 2018, un credito d'imposta del 40 per cento fino a un massimo di 300.000 euro per le spese di formazione del personale dipendente nel settore delle tecnologie previste dal Piano Nazionale Impresa 4.0.
  • Istituito il Fondo imprese Sud a sostegno della crescita dimensionale delle piccole e medie imprese, con una dotazione di 150 milioni di euro.
  • Elevate le soglie reddituali per l’accesso al bonus “80 euro” (da 24.000 a 24.600 euro).  Analogamente, il bonus decresce, fino ad annullarsi, in presenza di un reddito complessivo pari o superiore a 26.600 euro.

POLITICHE PER LA FAMIGLIA

  • Confermato il “bonus bebè” (assegno di natalità) per il 2018 per un importo annuo di 960 euro fino al primo anno di vita del bambino, nato o adottato nel 2018, per famiglie con ISEE familiare entro i 25mila euro annui.
  • Istituito il Fondo Caregiver: stanziati 60 milioni in tre anni per il finanziamento di interventi legislativi finalizzati al sostegno di chi assiste le persone non autosufficienti all’interno della famiglia.
  • Aumentate le detrazioni fiscali per i figli a carico di età non superiore a ventiquattro anni: la soglia per le detrazioni Irpef passa da 2,8 mila a 4 mila euro.
  • Potenziate le misure di contrasto alla povertà: estesa la platea dei beneficiari del reddito di inclusione (REI) e incrementate le risorse minime del Fondo per la lotta alla povertà (dal 15 al 20%) per il finanziamento degli interventi e dei servizi sociali territoriali.
  • Stanziati 2,5 milioni di euro per ciascun anno del triennio 2018-2020, destinati all’erogazione di borse di studio, spese mediche e iniziative assistenziali in favore degli orfani per crimini domestici e "femminicidio".

AGEVOLAZIONI PER LA CASA

  • Sono prorogate al 31 dicembre 2018 le detrazioni per interventi di ristrutturazione edilizia, per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici (bonus mobili) e, con alcune novità, quelle per l’efficientamento energetico degli edifici (ecobonus).
  • Per le spese relative agli interventi finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica, effettuati su parti comuni di edifici condominiali nelle zone sismiche 1, 2 e 3, in alternativa alle detrazioni previste dall’ecobonus e dal sisma bonus, si può usufruire di una detrazione dell’80% o dell’85%  se gli interventi adottati comportano una riduzione del rischio sismico rispettivamente di una o due classi.
  • È introdotta, per l’anno 2018, una detrazione del 36% delle spese, fino ad un ammontare complessivo non superiore a 5.000 euro, per la «sistemazione a verde» di aree scoperte, realizzazione di impianti di irrigazione, pozzi, coperture a verde e giardini pensili. La detrazione spetta anche per interventi effettuati sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali.
  • La riduzione al 10% dell'aliquota della cedolare secca per contratti a canone concordato è prorogata fino al 2019.

CULTURA E TURISMO

  • Stanziato un Fondo per la promozione del libro e della lettura, con dotazione annua pari a 4 milione di euro, di cui una quota pari a 1 milione di euro destinata alle biblioteche scolastiche.
  • Riconosciuto un credito d’imposta per le imprese creative, nella misura del 30 per cento dei costi sostenuti per attività̀ di sviluppo, produzione e promozione di prodotti e servizi culturali e creativi ed è attribuito nel limite di spesa di 500.000 euro per il 2018 e di 1 milione di euro per ciascuno degli anni 2019 e 2020; un credito di imposta è stato riconosciuto anche per le librerie.
  • Stanziate risorse per Matera, Capitale europea della cultura 2019
  • Per la realizzazione del Piano per l’arte contemporanea è autorizzata l’ulteriore spesa di 2 milioni di euro per ciascuno degli anni 2018, 2019 e 2020.
  • Prorogato il bonus per gli studenti dei conservatori e degli istituti musicali per l’acquisto di strumenti musicali.
  • Stanziati 290 milioni di euro annui per prorogare al 2018 e al 2019 18App, la card da 500 euro per i giovani che compiono diciotto anni.

 

http://www.governo.it/approfondimento/legge-di-bilancio-2018/8744